Cosa succede se non riesco a perdere peso

Il rapporto “Obesità in Canada” preparato dai dipendenti dell’ICIS non lascia dubbi – l’arma più efficace nella lotta contro l’obesità e il sovrappeso è il movimento. La dieta può solo sostenere la sua azione, può anche influenzare la salute e la condizione del corpo. Il modo più rapido ed efficace per ottenere una figura snella è quello di aumentare lo sforzo fisico. La perdita di peso è aiutata da soli 15 minuti di esercizio regolare, che non deve essere faticoso, ma deve coinvolgere tutti i muscoli e aumentare significativamente la frequenza cardiaca (per questo motivo non bastano l’inchino, il sesso, l’aspirapolvere o una camminata lenta!) Vale la pena di notare che le persone veramente obese perdono molte più calorie anche durante le attività più semplici come camminare sulle scale o pulire, perché il loro peso corporeo è molto più alto.

Muoviti e perderai peso!

Secondo le ricerche, se i canadesi passassero a una dieta più sana, cioè con più frutta e verdura, il numero di persone obese e in sovrappeso diminuirebbe di 350 mila unità. Un sacco. Tuttavia, secondo gli scienziati, se la gente di questo paese avesse speso solo 15 minuti al giorno di esercizio fisico, i problemi del sovrappeso e dell’obesità sarebbero stati eliminati da circa un milione di persone in tutto il Canada! Il problema del sovrappeso in sé è ovviamente più complesso, ma non ci sono modi più efficaci per lottare per la propria figura che il movimento e la dieta. Un prodotto dimagrante come questo https://www.fordsocialhome.it/slimjet/ vi aiuterà a mettervi in forma rapidamente. Secondo una ricerca canadese, il movimento è un mezzo molto più efficace. Va notato che è anche gratuito – a differenza di molti farmaci, trattamenti o integratori alimentari (che non sempre funzionano e non si sa bene quali ingredienti contengono, cosa si legge qui).

In Canada, per la prima volta in 10 anni, il consumo di frutta e verdura è diminuito, e gli obesi sono già in giro. Gli obesi sono già circa il 25 per cento di tutti i canadesi adulti. Sebbene più della metà dei canadesi abbia già lottato per diventare sovrappeso o stanco nell’ultimo anno, il fenomeno non è ancora così gravoso come quello che sta accadendo negli Stati Uniti. Tuttavia, la ricerca ha dimostrato che i canadesi – e certamente la maggior parte delle persone in altri Paesi – non dedicano abbastanza tempo alle loro attività quotidiane e conducono uno stile di vita sempre più statico.

Una dieta estrema? Aiuta a recuperare

Tuttavia, non possiamo sottovalutare l’importanza della nostra dieta, che è ciò che mangiamo ogni giorno. Probabilmente non c’è bisogno di convincere nessuno che il cibo ha un enorme impatto sul nostro corpo e sulla nostra salute. I ricercatori dell’Università di Newcastle hanno recentemente sorpreso il mondo con risultati di ricerca inusuali. Hanno dimostrato che una dieta estremamente ipocalorica e restrittiva è in grado di invertire gli inizi del diabete di tipo 2. Questa malattia è chiamata l’epidemia del 21° secolo, perché è lo stile di vita moderno e la dieta che è cruciale per il suo sviluppo. I risultati della ricerca presentata alla conferenza dell’American Diabetes Association indicano che nella fase iniziale del diabete, nei pazienti con diagnosi recente, è possibile che i cambiamenti si allontanino. Con una dieta estremamente ipocalorica e controllata, il corpo è in grado di liberarsi del grasso che colpisce il pancreas e può nuovamente secernere insulina normalmente.

Sotto il controllo dell’equipe medica, 11 persone hanno iniziato una dieta speciale. Di cosa si trattava? Per 2 mesi i pazienti hanno consumato solo 600 kcal al giorno. L’energia è stata fornita principalmente da bevande dietetiche e da verdure povere di amido. Si è scoperto che dopo appena una settimana il livello di zucchero nel sangue a digiuno nei pazienti con diabete di tipo 2 è tornato alla normalità e la risonanza magnetica ha mostrato che l’aumento del livello di grasso nel pancreas è stato normalizzato. Anche il contenuto di grassi nel fegato è diminuito in modo significativo. Dopo una dieta sperimentale di 8 settimane, i partecipanti allo studio sono tornati alla loro dieta normale, ma sono state date linee guida su ciò che dovrebbero evitare e su come mangiare meglio e razionalmente. Dopo 3 mesi dalla fine della dieta, 7 persone non hanno mostrato alcun sintomo di diabete.

Era la prima volta che il diabete veniva curato

La dieta restrittiva è il primo modo per invertire i cambiamenti diabetici. Finora ciò non era possibile e il diabete di tipo 2 era considerato una malattia incurabile. Secondo gli autori dello studio, esso dimostra quanto sia importante il bilancio energetico per la nostra salute – l’energia non utilizzata dal cibo viene immagazzinata nel fegato e nel pancreas come grasso. Nelle persone suscettibili al diabete, può portare molto rapidamente allo sviluppo della malattia, perché il grasso del pancreas ne impedisce il corretto funzionamento, quindi non rilascia insulina come un organo sano. Gli organi grassi sono sempre più incapaci di svolgere le loro funzioni, il che rende il paziente sempre più grasso – il suo corpo è sempre più incapace di affrontare il metabolismo energetico.

Indipendentemente dal fatto che una dieta restrittiva o il movimento sembri un modo migliore per bilanciare il bilancio energetico, una cosa è certa: vale la pena controllare se la quantità di energia consumata non supera la domanda e controllare come il corpo affronta ciò che mangiamo.